FCA: impegno continuo per ridurre gli sprechi energetici


Nel 2017 FCA ha lanciato una “caccia al tesoro” con l’obiettivo di identificare e realizzare best practice per il risparmio energetico. L’obiettivo della “caccia al tesoro” è realizzare un’analisi completa dei possibili miglioramenti necessari per aumentare l’efficienza energetica negli stabilimenti.

La Caccia al Tesoro Energetica (Energy Treasure Hunt) è un’iniziativa lanciata nell’ambito del programma Energy Star® dell’Agenzia per la Protezione Ambientale degli Stati Uniti (Environmental Protection Agency - EPA), nell’ambito della quale team di dipendenti identificano miglioramenti operativi per ridurre l’utilizzo di energia all’interno degli stabilimento. Lo scopo è individuare i miglioramenti che possono essere realizzati immediatamente, senza investimenti significativi. Viene inoltre valutato l'uso di energia durante le ore non operative, quando spesso si verificano la maggior parte degli sprechi.

Il Jefferson North Assembly Plant – dove vengono assemblate la Jeep® Grand Cherokee, la Jeep® Grand Cherokee SRT e la Dodge Durango - è stato lo stabilimento in cui è partito il primo pilota della “caccia al tesoro” nel settembre del 2017. L’iniziativa è stata successivamente estesa con costi contenuti a molti stabilimenti del Gruppo, creando un grande impatto sia in termini tecnici di risparmio energetico, sia generando consapevolezza e cultura del miglioramento continuo.

A luglio del 2018, un team interfunzionale composto da 30 manager dall’ente Environment, Health and Safety (EHS) ha intrapreso l’avventura conducendo una caccia al tesoro in uno dei più efficienti stabilimenti del Gruppo: quello di Tychy in Polonia dove vengono assemblate la Fiat 500, la Lancia Ypsilon e la 500 Abarth. Oltre ad avere il più basso livello di energia utilizzata per veicolo prodotto, lo stabilimento di Tychy ha ottenuto il livello Gold del World Class Manufacturing (WCM) già nel 2013.

Il team, costituito da specialisti interni di 12 paesi diversi, in 3 giorni, ha analizzato nel dettaglio ogni area dei reparti di verniciatura, lastratura, montaggio e delle centrali di produzione dell’energia. Sono stati formati 5 gruppi in modo che ognuno potesse focalizzarsi su un’area specifica all’interno dello stabilimento. Sono state approfondite nei dettagli le best practice per individuare e mettere in luce eventuali sprechi e perdite di energia nei sistemi, nei processi e negli impianti.

Gli “Energy Champions” hanno esaminato, tra le altre cose, i sistemi automatici di controllo e regolazione degli impianti di riscaldamento, quelli di ventilazione e condizionamento dell’aria, quelli elettrici di riscaldamento per materiali adesivi di processo e quello di recupero del calore.
Una volta analizzati i risultati delle indagini svolte, il team ha identificato 33 “lesson learned” e trovato più di 90 opportunità di risparmio energetico.

Una delle soluzioni, leader nell’industria automotive, emersa durante la caccia al tesoro, è stata la possibilità di risparmiare energia grazie all’introduzione di un sistema automatico di controllo in grado di rendere più flessibili gli impianti. Il sistema permette di risparmiare energia adeguando rapidamente i consumi energetici dalle varie aree dello stabilimento a diversi livelli produttivi, senza compromettere la qualità del prodotto, soprattutto nel reparto di verniciatura dove le temperature esterne possono avere impatti significativi. Questa soluzione è stata condivisa a livello globale e ad oggi è stata implementata in 10 stabilimenti di FCA.

Una volta rientrati nel proprio paese, gli “Energy Champions” hanno iniziato ad applicare le migliori soluzioni individuate nei propri stabilimenti. In particolare, nello stabilimento di Tychy in Polonia hanno iniziato a utilizzare da subito le soluzioni individuate per migliorare i consumi energetici, riducendo nel giro di poco tempo i costi del 3%.

Visto il risultato ottenuto, FCA ha previsto di realizzare nuove cacce al tesoro nel corso del 2019, estendendo l’iniziativa ad altri 12 stabilimenti nel mondo.
Le “cacce al tesoro” sono solo uno degli strumenti che FCA utilizza per raggiungere entro il 2020 - nei suoi stabilimenti mass-market di carrozzeria e stampaggio - la riduzione del 30% di energia consumata per veicolo prodotto (rispetto al 2010). Mentre si continuano a cercare soluzioni per ridurre l’uso di combustibili fossili, il Gruppo ha ottenuto risultati significativi: ad esempio, alla fine del 2017 la riduzione di energia consumata era pari al 24% rispetto al 2010. Queste sono solo alcune evidenze delle azioni messe in atto dai nostri dipendenti per contribuire a costruire un futuro energetico di minor impatto per FCA.



Commenti

Post popolari in questo blog

Nuovi modelli Fiat, Lancia, Alfa Romeo, Abarth, Jeep e Fiat Professional in arrivo